Devi scegliere un paio di cuffie ma non sai proprio da dove iniziare? Niente panico! Abbiamo scritto questa guida informativa su “Come Scegliere le Cuffie” più giuste per le tue esigenze. Di seguito troverai tutto quello che devi sapere prima di comprare una paio di cuffie, specialmente le caratteristiche principali che bisogna prendere in considerazione prima di effettuare l’acquisto.

Per prima cosa, come abbiamo già scritto nella homepage, al giorno d’oggi, con l’aiuto della tecnologia, esiste un tipo di cuffia per ogni esigenza.
Come già vi sarete accorti, in commercio potrete trovare numerosi modelli di cuffie, quindi se volete avere una panoramica completa sulle diverse tipologie di cuffie che il mercato attuale offre, vi consigliamo di dare un’occhiata alla nostra guida approfondita sui Tipi di Cuffie.

È dunque importante stabilire prima dell’acquisto, le nostre esigenze, altrimenti rischieremo di comprare un dispositivo acustico non propriamente adatto al nostro utilizzo.
Ecco delle utili Guide che CuffieTop.it ha messo a vostra disposizione.

Come Scegliere le Cuffie

1. Scegliere la Marca Giusta

2. Come Leggere i Dati Tecnici

3. Cancellazione del Rumore o Isolamento

4. Il Prezzo

5. Come Scegliere le Cuffie Wireless

1. Scegliere la Marca Giusta

Questo è sicuramente il fattore principale, affidatevi sempre a marche conosciute per la loro affidabilità e qualità nella costruzione di componenti interni. Non tutti sanno che i componenti interni di una cuffia, sono di fondamentale importanza, sono proprio quelli che determinano la qualità dell’audio emesso dalla cuffia stessa. Ecco perché sconsigliamo cuffie o auricolari di marche ignote e a bassissimo costo, il più delle volte, anche se sulla carta sembrano buone, in realtà vengono costruite con componentistica scadente, con la conseguente perdita di qualità nella riproduzione delle frequenze e nei materiali di costruzione.

Quindi, prima di acquistare una cuffia o un auricolare, assicuratevi che sia di marca, proprio per questo CuffieTop.it ha deciso di fare una selezione delle migliori marche di cuffie e recensire quindi i modelli di tali marche.

2. Leggere i Dati Tecnici

Avrete sicuramente notato in fase di acquisto, che qualsiasi tipo di cuffia è caratterizzata da alcuni dati tecnici, spesso troppo “tecnici” per essere compresi da chi è inesperto del settore. Questi dati potete trovarli nella schede tecniche dei prodotti (nel caso in cui le stiate acquistando online) o sulla confezione di vendita (nel caso in cui le stiate acquistando direttamente in un negozio).

Cerchiamo dunque di vedere insieme i dati tecnici principali di una cuffia, vi spiegheremo passo passo il loro significato e come interpretarli.

Gamma di Frequenza o Risposta in Frequenza (Hz e kHz)

La gamma di frequenza sta ad indicare semplicemente il range di frequenze che le cuffie riescono a riprodurre. Dovete sapere che il suono è scaturito da vibrazioni che si propagano nell’aria o attraverso altri mezzi come l’acqua ecc. Queste vibrazioni sonore, sono caratterizzate da una frequenza (Hz) che determina se un suono è acuto o grave.

L’orecchio umano, percepisce un range di frequenze che va da 20 Hz a 20.000 Hz (o 20 kHz), al di sotto dei 20 Hz abbiamo gli infrasuoni, mentre al di sopra dei 20 kHz abbiamo gli ultrasuoni.

Detto ciò, facciamo un esempio pratico. Se sulla confezione delle cuffie che volete acquistare, trovate nella scheda tecnica, una dicitura di questo tipo “Gamma di Frequenza: 9 – 23.000 Hz“, significa che queste cuffie possono riprodurre suoni che vanno da un minino di 9 Hz ad un massimo di 23.000 Hz o 23 kHz, quindi dispongono di una buona gamma di frequenze, più ampia di quella che un orecchio umano standard può ascoltare.

Ad esempio le cuffie o gli auricolari di fascia bassa, hanno una gamma in frequenza poco ampia, diciamo il minimo sindacabile che un orecchio umano può ascoltare, dunque un range che solitamente si avvicina moltissimo a quello standard, ovvero 20 Hz – 20.000 Hz.

Quindi il consiglio che CuffieTop.it vi da è di orientarvi su cuffie che dispongono di un range più ampio di quello standard, come l’esempio che vi abbiamo riportato precedentemente e più la gamma di frequenza sarà ampia, maggiore sarà la fedeltà dei suoni che la cuffia sarà in grado di riprodurre, sempre ammesso che abbiate scelto una cuffia di marca.

Sensibilità (dB)

La sensibilità rappresenta la quantità di pressione acustica delle cuffie ed è espressa in Decibel (dB). Questo valore sostanzialmente non scaturisce la qualità dell’audio della cuffia, ma scaturisce dunque la “potenza” espressa in decibel che la cuffia riesce a riprodurre in modo fedele. È importante dunque che questo valore non sia troppo basso, diciamo che un valore che sia uguale o superiore agli 85 dB può andare bene, un valore inferiore, potrebbe indicare probabilmente una cuffia di scarsa pressione acustica, quindi considerate che più sarà alto questo valore, maggiore sarà il volume che la cuffia sarà in grado di riprodurre.

Impedenza (Ohm)

L’impedenza di una cuffia è un altro dato importante da tenere in considerazione, viene espresso in Ohm e non caratterizza la qualità audio della cuffia. Se vogliamo essere più tecnici, l’impedenza rappresenta la resistenza di una bobina nell’essere attraversata da corrente alternata e le cuffie in commercio sono caratterizzate da diversi valori di impedenza, si trovano modelli che hanno un minimo di 8 Ohm fino ad arrivare a modelli che hanno un massimo di 600 Ohm.

Questo valore dunque ha importanza in base al tipo di amplificazione che la cuffia riceverà. Per farla breve, se dovete collegare le cuffie ad un buon impianto Hi-Fi, non avrete problemi e quindi potrete acquistare cuffie che hanno anche un elevato valore di impedenza, mentre se dovete collegare le cuffie ad un “lettorino mp3” per intenderci, il valore di impedenza deve necessariamente essere basso. Diciamo che un valore standard come 32 / 35 Ohm, mediamente può essere più che sufficiente.

Potenza in Ingresso Massima (mW)

La potenza in ingresso indica semplicemente la potenza del segnale in ingresso che la cuffia può sostenere senza provocare distorsioni varie ed è espressa in mW. Quindi maggiore sarà questo valore, maggiore sarà il segnale audio che la cuffia riuscirà a sostenere mantenendo una riproduzione del suono fedele, senza distorsioni.

Driver dell’altoparlante (mm)

Questo dato che non sempre viene fornito nei dettagli tecnici delle cuffie, sta ad indicare le dimensioni dell’altoparlante integrato nel padiglione della cuffia o auricolare ed è espresso in mm. Solitamente, più l’altoparlante è grande, maggiore sarà la fedeltà dei suoni riprodotti, anche se la fedeltà dell’audio, dipende soprattutto dalla qualità dei componenti con cui la cuffia o l’auricolare è stato sono stati realizzati.

3. Cancellazione del Rumore o Isolamento Acustico?

Molti di voi avranno notato che alcuni modelli di cuffie sono dotati di tecnologie che garantiscono la cancellazione del suono o del rumore di fondo, creando una sorta di isolamento acustico dai suoni esterni “fastidiosi”. Altre modelli di cuffia invece, specialmente quelli di tipo di chiuso circumaurale, inglobano totalmente l’orecchio, creando di per se un ottimo isolamento acustico.

Da qui nasce la domanda, meglio la tecnologia che cancella i rumori o il classico isolamento acustico ?

A questo punto bisogna fare chiarezza tra le i due sistemi, cerchiamo dunque di spiegarne la differenza.

Cancellazione del Rumore Attiva

Le cuffie dotata di questa tecnologia, contengono nel padiglione dei piccoli microfoni che emettono dei rumori opposti a quelli provenienti dall’esterno, annullandoli di fatto con la controfase.

Diciamo che questa tecnologia deve essere molto accurate per poter funzionare a dovere, quindi se intendete acquistare delle cuffie che riportano tra le specifiche questa tecnologia di soppressione dei rumori, cercate almeno di affidarvi a marche conosciute, rimanendo sulla fascia medio / alta, altrimenti potreste rimanerne piuttosto delusi.

Inoltre, questo tipo di tecnologia, deve necessariamente utilizzare una batteria per poter funzionare, quindi provoca un eccessivo dispendio di energia.

Isolamento Acustico

Come abbiamo accennato prima, l’isolamento acustico è di tipo passivo, quindi non sono necessarie batterie di alcun genere ed è abbastanza efficacie contro i rumori esterni, nel momento in cui i padiglioni delle cuffie siano di qualità ed abbiano un’imbottitura sufficiente da impedire ai suoni esterni di passare.

Nel caso degli auricolari, esistono degli auricolari in-ear in grado di isolare molto bene dai rumori esterni, proprio perché dispongono di una copriauricolare gommato (spesso con misure intercambiabili) che se ben inseriti nel canale uditivo, “attappano” l’orecchio quasi totalmente, oltretutto aumentando notevolmente la resa delle basse frequenze.

4. Il Prezzo

Infine l’ultimo fattore importante che resta da prendere in considerazione è sicuramente il prezzo che spesso si relaziona con la marca della cuffia. Il prezzo di una cuffia, la marca e i dati tenici, sono tutti fattori fondamentali che vi aiuteranno a scegliere la giusta cuffia per le vostre esigenze.

Chiaramente i prezzi delle cuffie variano in base alla tipologia di cuffia, ad esempio se dovete acquistare un paio di auricolari, diciamo che ad un prezzo di 50 / 60 euro, acquisterete degli auricolari di qualità appartenente ad una fascia medio / alta.

Se invece dovete acquistare un paio di cuffie professionali, per comporre o ascoltare musica non compressa in alta qualità, vi renderete conto che con un budget di 50 / 60 euro, sarete ancora sulla fascia medio / bassa.

Quindi è importante stabilire prima l’utilizzo che si deve fare con le cuffie che intenderete acquistare, se ad esempio avrete intenzione di ascoltare musica compressa come gli mp3, il nostro consiglio è di non spendere troppi soldi, potrete tenervi tranquillamente sulla fascia media facendo riferimento alla tabelle dei prezzi cuffie che abbiamo messo in homepage.

Se al contrario, avete necessità di ascoltare musica in HD o di lavorare a livello professionale con tutto ciò che riguarda l’audio, allora non badate a spese, più andrete sulla fascia alta e maggiore sarà la fedeltà dei suoni che la cuffia sarà in grado di riprodurre, valorizzando il vostro udito ed eventualmente i vostri progetti.

5. Come Scegliere le Cuffie Wireless

Prima di tutto bisogna fare una piccola premessa, ovvero se intendete acquistare una cuffia wireless (ossia senza fili) per lavorare in modo professionale con l’audio, CuffieTop.it vi consiglia di orientarvi sulle classiche cuffie con filo, sono quelle che offrono da sempre la massima resa e fedeltà nella riproduzione delle frequenze.

Le cuffie wireless sono molto più consigliate per chi intende ascoltare musica in comodità, film o giocare su consolle o pc. Alcuni modelli di fascia alta oggi in commercio, offrono delle ottime prestazioni. Inoltre se siete abbastanza esigenti e volete comprare una cuffia wireless che non emetta fastidiosi fruscii di fondo, dovrete necessariamente orientarvi su cuffie wireless dalla fascia medio / alta in su.

Detto ciò, abbiamo deciso di dedicare un paragrafo a parte su come scegliere le cuffie wireless.
Se volete acquistare una cuffia wireless che abbia una buona qualità audio, potete tranquillamente fare riferimento a tutti i consigli scritti fin’ora in questa guida. Ma oltre a quelli, dovrete tenere presente che una cuffia senza fili ha anche altri dati fondamentali da prendere in considerazione prima dell’acquisto e sono i seguenti:

1) Tipo di Trasmissione e Portata

Per chi non lo sapesse, in commercio esistono diversi tipi di cuffie wireless e ciascuno dei quali sfrutta una diversa tecnologia di trasmissione del segnale. Vediamo dunque nel dettaglio i tipi di trasmissione di una cuffia wireless e quale potrebbe essere la migliore.

  • Cuffie Wireless a Infrarossi: si tratta di una tecnologia abbastanza diffusa ed economica che garantisce una discreta qualità dell’audio ed ha il vantaggio principale di non interferire con altri apparecchi wireless nella stanza, specialmente quelli a onde radio. Lo svantaggio invece è che ha una portata molto bassa, riesce dunque a garantire una copertura di funzionamento di pochi metri, scordatevi dunque di muovervi da una stanza all’altra della casa senza che la cuffia perda il segnale.
  • Cuffie Wireless a Onde Radio: questa tecnologia è sicuramente una delle più diffuse al momento ed è quella che permette una portata maggiore, viaggia su una frequenza non superiore ai 2,40 Ghz e permette di tramettere il segnale in un raggio di 100 metri circa. Quindi con questo tipo di cuffia, potrete girare per tutta casa senza il rischio di perdere la copertura.
  • Cuffie Wireless Bluetooth: la tecnologia Bluetooth sembra essere la tecnologia più diffusa insieme alle onde radio, specialmente nel campo della telefonia con gli auricolari bluetooth. Questo tipo di trasmissione è uno tra i più puliti a livello audio, tuttavia troviamo il solito problema della portata, infatti un segnale bluetooth standard, arriva solitamente ad un massimo di 15 metri circa come tecnologia è ancora abbastanza costosa nel campo delle cuffie wireless.

Tra queste tipologie di trasmissione, sembra che quella più diffusa e che stia prendendo sempre più piede sia la classica tecnologia wireless, quindi le onde radio a 2,40 Ghz (o più) che hanno una portata davvero ampia. La moderna tecnologia, ha migliorato notevolmente questo sistema di trasmissione ed ora le cuffie senza fili possono trasmettere un segnale audio digitale non compresso, riuscendo ad ottenere un’ottima qualità sonora.

2) L’Autonomia

Un altro elemento chiave da tenere in considerazione prima di comprare una cuffia wireless è l’autonomia della batteria, ovvero il tallone di achille di tutti i prodotti senza fili.

Alcuni modelli, specie quelle di fascia bassa, utilizzano delle classiche pile non ricaricabili che andranno poi sostituite ogni qual volta si scaricheranno, comportando dei costi non indifferenti.

Altri modelli invece, solitamente quelli più costosi, sono dotati di una base di appoggio e ricarica delle batterie, in modo da riporvi le cuffie senza fili quando non sono in uso, per averle sempre pronte all’uso.

Tenete presente che l’autonomia media di una cuffia wireless è di circa 8 / 9 ore, i modelli più costosi possono anche andare oltre.

Quindi prima di scegliere le cuffie wireless adatte alle vostre esigenze, prestate sempre attenzione all’autonomia e fate le vostre dovute riflessioni in base al tipo di utilizzo che ne dovrete fare.

3) I Tempi di Ricarica

Ultimo dato da prendere in considerazione sono i tempi di ricarica, un dato tecnico che molto spesso viene omesso dalle case produttrici, non tutti sanno infatti che una cuffia wireless solitamente impiega molte ore per ricaricarsi completamente, alcuni modelli arrivano anche a 20 ore, specialmente quelli di fascia bassa e medio / bassa.

Share Button