Le Sennheiser GSP 300 sono la nuova offerta entry-level nella gamma in crescita di cuffie per il gaming del popolare marchio tedesco. Economicamente accessibile, questo modello si caratterizza per l’architettura a padiglione chiuso ad isolamento acustico, una potente resa dei bassi, un microfono con tecnologia noise-cancelling ed un doppio archetto superiore, che insieme ai cuscinetti con imbottitura ad effetto memoria rende le cuffie comode e confortevoli.

Sennheiser GSP 300

Il Nostro Voto

Dove Acquistarle al Miglior Prezzo?

 

Video Sennheiser GSP 300

 

Recensione Completa Sennheiser GSP 300

Sennheiser GSP 300 - ConfezioneIl range di cuffie specializzate per il gaming di Sennheiser si arricchisce di un nuovo modello di ingresso, le Sennheiser GSP 300, concepite per offrire un’alternativa dal buon rapporto qualità prezzo alle più complesse e costose Game Zero e Game One.

Realizzate in plastica  ed esteticamente curate come tutti i prodotti di questo costruttore, le cuffie sono basate su un design circumaurale ad acustica chiusa, dunque privo delle aperture presenti nei modelli come le One, a tutto vantaggio di un superiore isolamento sonoro e di una particolare enfasi sui bassi.

Leggere e comode, le  Sennheiser GSP 300 sono dotate di un archetto diviso, che ne distribuisce il peso e riduce la pressione sulla testa, e di imbottitura morbida ad effetto memoria, per adattarsi dinamicamente alle forme di chi la indossa.

Buona la resa audio complessiva su tutte le frequenze, anche se è assente un sistema di equalizzazione e la tecnologia surround.

Per il controllo del volume invece, le Sennheiser GSP 300 si affidano ad una manopola integrata in stile potenziometro old school, mentre per l’output vocale troviamo un microfono con noise-cancelling, su braccetto articolato, con funzione mute attivabile semplicemente sollevando in verticale l’asticella.

1. Accessori, Design e Materiali

Sennheiser GSP 300 - PiegateLe Sennheiser GSP 300 ripropongono la stessa filosofia di design delle altre cuffie da gaming della gamma e sono dunque di tipo circumaurale, ma con archetto aperto, che grazie all’azione combinata della fessura e dell’imbottitura morbida, limita la pressione sulla testa e garantisce un maggior comfort anche durante le sessioni di gioco più lunghe e frenetiche.

Il peso è molto limitato, e come per le Game One si attesta intorno ai 300 grammi, grazie all’uso prevalente di plastica leggera ma resistente. Pur non essendo particolarmente innovativo o ricercato, il look delle GSP 300 è nel complesso più che accattivante, con la sua combinazione di nero e blu elettrico, e rispetta la tradizione di Sennheiser nel coniugare semplicità, modernità ed eleganza.

I padiglioni, come detto, sono completamente chiusi ed ugualmente imbottiti, con memory foam, e nella parte esterna presentano i due soli elementi con cui ci troveremo ad interagire nell’uso quotidiano. Sulla destra una grossa manopola per la regolazione progressiva del volume, molto simile ai vecchi potenziometri, e a sinistra il microfono montato su braccio girevole e non retrattile.

Il cavo integrato è di 2,5 metri, del tipo a doppio jack classico (audio e microfono), ma nella confezione troveremo anche un piccolo connettore con singola uscita standard da 3,5 mm, il PCV 05 Combo Audio Adaptor, normalmente venduto anche separatamente.

Tramite adattatori, le Sennheiser GSP 300 sono compatibili con la maggior parte delle piattaforme in circolazione, che si tratti di PC, Mac, Xbox One, PS4, tablet o smartphone.

2. Comodità ed Ergonomia

Sennheiser GSP-300 - PadiglioniLe Sennheiser GSP 300 incarnano alla perfezione pro e contro della struttura a padiglione chiuso. Un pro indiscutibile, soprattutto per chi gioca in tarda notte e non vuole disturbare genitori, fratelli/sorelle o partner, è l’isolamento acustico.

Naturalmente il discorso vale anche in senso opposto, quando cioè saremo noi a volere che l’audio del nostro gioco preferito non venga contaminato da rumori ambientali, come ad esempio nei LAN party più affollati.

Di contro, le Sennheiser GSP 300 presentano un’imbottitura sintetica che alla lunga produce un certo calore e fenomeni di traspirazione, peggiorati dall’assenza di circolo d’aria. Va poi detto che, come tipico delle cuffie a design chiuso, anche questo modello tende ad aderire parecchio e ad esercitare una certa pressione, necessaria per la sua funzione primaria, appunto l’isolamento acustico.

Fortunatamente le cuffie sono dotate di archetto diviso, costituito cioè da due aste parallele,  separate da una fessura centrale, che aiuta a distribuire peso e pressione, anche se l’efficacia di questa soluzione dipende molto dalle caratteristiche fisiche del singolo utente.

Sennheiser GSP-300 - PadiglioniComodissime sono poi le imbottiture dei padiglioni, che adattandosi alla forma dell’orecchio non producono fastidiosi indolenzimenti, neanche dopo parecchie ore di gioco. Altrettanto funzionali sono il regolatore integrato per il volume e il piccolo braccio su cui è montato il microfono, anche se dobbiamo notare che si tratta di una dotazione piuttosto esigua, rispetto a quella offerta da parte della concorrenza.

Piccolo riconoscimento finale per il cavo in dotazione, non lunghissimo ma sicuramente adatto alla maggior parte delle circostanze, e soprattutto realizzato con design anti-groviglio, una vera benedizione per chi ha l’abitudine di muoversi durante le partite più frenetiche o è dotato di vere e proprie postazioni di gioco dedicate, con computer, console multiple e metri di cavetteria assortita da tenere a bada.

3. Qualità dell’Audio e del Microfono

Sennheiser GSP 300 - MicrofonoLe prestazioni delle Sennheiser GSP 300 sono piuttosto buone se rapportate alla fascia di prezzo. La sensibilità delle cuffie è di 113 dB, con un’impedenza di 19 Ohm e una risposta in frequenza di 15-26,000 Hz, a garanzia di un audio pulito e ben scandito, anche se non ugualmente definito su tutte le frequenze.

Come da tradizione Sennheiser, infatti, i bassi sono particolarmente dominanti, complice la struttura a padiglione chiuso, senza però saturare mai troppo l’ascolto e senza rilevanti fenomeni di distorsione e clipping.

Naturalmente l’enfasi posta sui bassi e su un suono caldo e avvolgente sacrifica in parte l’espressività più sottile e ricercata degli alti, rendendo l’audio meno vivace e dinamico di quanto avrebbe potuto essere se tutto lo spettro fosse stato curato nello stesso modo, ma il risultato finale è comunque molto positivo. Le Sennheiser GSP 300 hanno una buona profondità e spazializzazione, anche se non possono garantire il livello di tridimensionalità di modelli a padiglione aperto, e garantiscono una resa realistica e avvolgente dei suoni in-game.

Ottimo, chiaramente, il livello di isolamento acustico, mentre si sente la mancanza di un sistema di equalizzazione con cui adattare l’audio alle caratteristiche di giochi differenti e gestire in modo personalizzato la priorità da dare, a seconda dei gusti, a dialoghi, colonna sonora e sound effects.

Quanto invece al microfono, abbiamo una risposta in frequenza di 10-15,000 Hz, con una sensibilità fino a -41 dBV/PA, in grado quindi di catturare un parlato ad un volume decisamente inferiore a quello di una conversazione media, e senza il timore di essere contaminato o sovrastato da altri rumori ambientali, grazie alla tecnologia di noise-cancelling, che filtra il suono e lo ripulisce appunto da interferenze esterne. Il microfono può essere tranquillamente usato per le chat e si presta alla registrazione di sessioni di gioco con voice-over, anche se non al livello di microfoni direzionali dedicati.

4. Caratteristiche Principali e Funzionalità

Sennheiser GSP 300 - MultipiattaformaCome modello entry-level (tale in rapporto agli standard qualitativi Sennheiser, più che in termini assoluti) le Sennheiser GSP 300 non dispongono di particolari funzionalità avanzate o regolazioni per il comparto audio.

Altri costruttori, specializzati in accessori per il gaming, hanno sviluppato negli anni delle soluzioni per adattare le loro cuffie sia a tipi di gioco differenti che al passaggio dal gaming all’ascolto di musica o altre attività, offrendo software dedicati e tasti integrati per il controllo del dolby, dell’equalizzazione e delle tipiche funzioni play/pause/skip da player musicali.

Le Sennheiser GSP 300  si prestano invece ad un uso più basico, “plug & play”, in cui bisogna preoccuparsi solo di regolare il volume, scegliere se attivare o meno il microfono (utilissima in questo senso l’attivazione/disattivazione gestibile spostandolo in basso o in alto) e tuffarsi nel vivo dell’azione, senza i complicati settaggi favoriti dagli hardcore gamer.

 

Scheda Tecnica

  • Colore: nero
  • Stile: con fascia / archetto
  • Impedenza: 19 Ω
  • Connettore: 2 x 3.5 mm / 1 x 3.5 mm (PCV 05 Adattatore Audio Combo)
  • Risposta in Frequenza (microfono): 10 – 15,000 Hz
  • Risposta in Frequenza (cuffie): 15 – 26,000 Hz
  • Livello di Pressione Sonora (SPL): 113 dB
  • Tipo di Padiglione: Circumaurale
  • Lunghezza Cavo: 2,5 m
  • Tecnologia Microfono: Noise-cancelling
  • Sensibilità Microfono: – 41 dBV/PA

 

Vantaggi e Svantaggi

vantaggi

Vantaggi

  • Bassi potenti e caldi
  • Sound equilibrato e buona accuratezza dei dettagli
  • Leggere e confortevoli
  • Microfono accurato e con auto-mute
  • Buona qualità dei materiali
  • Compatibili con più piattaforme
  • Ottimo rapporto qualità prezzo

svantaggi

Svantaggi

  • Prive di effetti di equalizzazione
  • Non sono surround
  • Il padiglione chiuso riduce la ventilazione (specialmente nei periodi estivi)

 

Le Nostre Opinioni

Leggere ma anche robuste e performanti, le Sennheiser GSP 300 sono cuffie da consigliare senza riserve a casual gamer e appassionati di contenuti multi-mediali in generale, che potranno usarle sia per aggiungere una nuova dimensione alle proprie partite che per passare occasionalmente a qualcosa di meno interattivo ma altrettanto divertente, come un buon film o una puntata della propria serie TV preferita.

Le funzionalità incluse sono tutte ben bilanciate ed ottimamente implementate, a partire dall’isolamento acustico per arrivare al microfono con auto-mute e rimozione del rumore. Anche il comfort generale è molto buono, dispiace solo l’assenza di funzionalità avanzate e di un maggior controllo sull’audio, caratteristiche che avrebbero potuto accontentare anche i giocatori più esigenti, ma che per ora Sennheiser sembra aver deciso di tenere in secondo piano, per concentrarsi sulla sua specialità di sempre, la qualità del suono.

 

Voti Finali

  • Design - 8.2/10
    8.2/10
  • Materiali - 7.9/10
    7.9/10
  • Comodità - 8/10
    8/10
  • Qualità Audio - 8/10
    8/10
  • Qualità Microfono - 7.6/10
    7.6/10
  • Qualità / Prezzo - 8.3/10
    8.3/10

Il Nostro Voto Totale

8.0/10

 

 

Share Button

Ti potrebbe interessare anche: